Carati scopriamo cosa sono e quale è il loro prezioso significato

Carati: una parola preziosa che ci fa ricordare l’oro e i diamanti. Scopriamo cosa sono i carati.

Carati o più propriamente il carato è una unità di peso che viene utilizzata per i diamanti e le altre pietre preziose. È usato anche per le leghe d’oro per quantificare la purezza dell’oro. Il termine carato deriva dall’arabo qirat (ventiquattresima parte), e derivante dal termine greco keration, carruba, diminutivo del termine keras cioè corno.

In tempi passati per la pesatura

di parti piccole si utilizzavano i semi di carruba pensando che avessero tutti lo stesso peso. Proprio per questo i semi di carruba erano l’unità di peso dei metalli preziosi. Nel 1832 in Sudafrica in seguito al peso dei semi di carruba di un albero prove dettagliate stabilirono il valore dei carati : 0,2 grammi, che è appunto l’equivalente del carato nel sistema di pesatura del diamante e delle gemme preziose.

 

carati gioielli in oro
carati gioielli in oro

Il carato quindi è l’unità di misura

del diamante che equivale a 0,2 grammi. Al di sotto del carato parliamo di centesimi o punti. Pertanto un diamante di 0,50 carati equivale a 50 centesimi o 50 punti. Il carato stabilisce anche il grado di purezza nelle leghe d’oro cioè quanti parti d’oro sono presenti in una lega su una base di 24/24.

L’oro grezzo nella lavorazione

è mescolato con altri metalli quali il rame, l’argento o il palladio poichè troppo delicato. La sigla k, kt o ct  indica il carato ed è aggiunta al numero senza alcuno spazio tra il numero e la sigla del carato. Da quanto sopra detto ne consegue che un gioiello 18k è costituito da 18 parti d’oro e 6 parti di altri metalli (24/24). Solo l’oro 24 carati (24 parti d’oro fino su 24 totali) è sinonimo di oro puro ed è indicato con la dicitura 24k.