Il rubino proprietà e caratteristiche di una nobile gemma

Il rubino è un minerale che appartiene alla famiglia del corindone. Il suo colore rosso vivo  è dovuto alla presenza di tracce di cromo.

È una gemma molto rara ed in antichità è stata associata ad altre pietre rosse con cui era spesso scambiata. Il rubino è una pietra molto dura e ha un grado di durezza pari a 9 nella scala di Mohs. Il suo nome deriva dal latino ruber, rosso, e presenta delle tonalità di colore differenti secondo il luogo di provenienza. Difatti il suo colore va dal rosso vivo noto come sangue di piccione al colore rosato violaceo tipico dello Sri-Lanka.

Il rubino proprietà

La gemma presenta diversi effetti ottici dovuti ad inclusioni di aghi di rutilo situati parallelamente che riflettono la luce creando un effetto a occhio di gatto o a stella. Nel primo caso si parlerà di gatteggiamento e nel secondo di asterismo. Il rubino a occhio di gatto crea un effetto simile alla forma della pupilla di un gatto mentre il rubino stellato quello di una stella con sei raggi equidistanti e ben netti. Entrambi i due tipi della gemma sono tagliati a cabochon evidenziando così tale fenomeno ottico.

La preziosa gemma

si forma in rocce metamorfiche createsi da contatto di sedimenti ricchi di alluminio e marmi dolomitici. La più antica zona di estrazione è lo Sri Lanka. I maggiori giacimenti si trovano in Birmania, Thailandia, Cambogia, Afghanistan, India, Madagascar e Tanzania. I rubini più pregiati tuttavia provengono dalla zona di Mogok in Birmania. Le gemme di qualità superiore per trasparenza e purezza sono indicati con la sigla AAA. A tal proposito il rubino Tanzania AAA è molto ricercato per la sua purezza, anche se si può optare per una versione più economica ma non meno accattivante del rubino di Madagascar.

 

il rubino proprietà- collana
il rubino proprietà- collana
Rubino sintetico

Questa preziosa gemma è stata una delle prime ad essere prodotta in laboratorio. La prima produzione sintetica è avvenuta nel 1902 grazie al francese A. Verneuil dal quale derivò il metodo Verneuil. Si fonde una polvere composta degli stessi elementi del rubino con una fiamma di ossidrogeno a 2000° C e una volta raffreddata si forma un cristallo di piccole dimensioni a forma di bastoncino, il boule. Un altro metodo è il Metodo Czochrlaski in cui si fonde una miscela di ossidi di cromo e alluminio. Tuttavia il metodo più utilizzato è il Metodo Kashan dove gli ossidi sono miscelati con un prodotto chimico che favorisce la crescita del rubino sintetico, molto usato nelle gioiellerie.

 

Questa nobile gemma

è stata considerata nel corso dei secoli il simbolo della prosperità, della passione e della protezione. Infatti era utilizzata come amuleto per tenere lontano i problemi di salute, contro i pericoli, la tristezza e i pensieri negativi. Oltre a proteggere la salute questa splendida gemma aiuta a superare la stanchezza e ad infondere energia e coraggio donando forza e vitalità.