Un opale che cos’è significato della pietra e vari tipi di opale

Un opale scopriamo che cosa è

Un opale è un minerale e precisamente un ossido di silicio idrato, ricco di acqua, di origine sedimentaria. Esso si forma per accumulo chimico di acque ricche di silice o per accumulo di scheletri di organismi marini.

Un opale ha una struttura reticolare a forma di piramide ed è formato da minuscole sfere di biossido di silicio.

La rifrazione della luce che si crea tra gli spazi di queste sfere, allineati tra di loro, fa sì che un opale si presenti con diverse colorazioni secondo l’angolo di osservazione.

Questi splendidi giochi di colore che si creano danno origine a quella che viene considerata una caratteristica tipica della gemma e che viene chiamata opalescenza, una leggera luce che scivola sulla sua superficie.

Qualora nella pietra non si notano questi meravigliosi giochi di luce significa che le sfere di biossido sono disposte in maniera casuale e non allineate.

Dotato di lucentezza vitrea, un opale ha un  grado di durezza uguale a 5,5 – 6,5 secondo il valore della scala di Mohs.

Significato della pietra opale

Un opale si contraddistingue per la sua varietà di giochi di colori. È proprio da questa sua caratteristica che trae origine il suo nome. 

Il termine opale deriva dalla parola latina opalus e a sua volta derivante dal termine greco opallios che significa “vedere un cambiamento”.

Secondo alcuni ricercatori invece il nome potrebbe derivare da un altro termine greco ophtalmios cioè gemma dell’occhio.

Molto probabilmente in realtà il termine deriverebbe da upala, cioè pietra preziosa in sancrito.

Vari tipi di opale

Questa gemma presenta diverse varietà e si differenzia per le varie tonalità di colore e trasparenza.

La diversa tonalità è dovuta ai giochi di colore che si creano e dipende dal tipo di roccia che ospita l’opale e sulla quale si forma, la cosiddetta roccia matrice o potch.

E proprio grazie alla presenza della roccia matrice che possiamo definirlo opale a ciottolo o opale con matrice a seconda se la matrice è inclusa rispettivamente nel taglio o sia visibile sulla parte anteriore.

Tra le diverse varietà della gemma possiamo distinguere:

  • opale nobile , il cui colore di base è il bianco lattiginoso con dei giochi di colore vivaci che lo rendono pregiato, l’opale arlecchino.

    La varietà bianca, opale bianco, chiamato anche opale chiaro è una gemma molto amata e si presenta traslucida o opaca con un fondo bianco;

  • opale nero, molto raro da trovare ha un colore di fondo nero. È famoso per le sue iridescenze che sembrano creare una specie di arlecchino multicolore. Può risultare opaco ma se sottoposto a luce intensa presenta una certa traslucenza;
  • opale grigio si distingue per avere un corpo di tonalità grigia che può divenire da traslucida ad opaca. È incluso nella categoria nero o scuro;
  • crisopale, chiamato anche opale azzurro, è una bellissima pietra che assume colorazioni tra l’azzurro acceso e il verde mare;
  • opale di Welo che si distingue per il suo colore brillante e la sua trasparenza. I suoi colori cangianti mostrano i colori dell’arcobaleno specialmente il rosso, il verde, l’arancio e il giallo. Questa bellissima gemma è stata scoperta nella regione montuosa Semien Wollo nella zona nord-est dell’Etiopia. Non si conosce l’anno della sua scoperta ma abbiamo tracce della sua presenza al mercato di Nairobi nel 1993;
  • opale gelatina che può essere trasparente o traslucido ed è caratterizzato per non avere una tonalità di fondo oppure può essere riconosciuto cristallo bianco, opale cristallo, opale cristallo nero e cristallo scuro.

Non tutti gli opali presentano giochi di colore e precisamente:

  • L’opale di fuoco messicano deve i suoi colori alla presenza di tracce di ossido di ferro. È caratterizzato da un colore intenso che va dal giallo zafferano all’arancio fino al rosso ciliegia e anche blu;
  • l’opale di fuoco Buriti si estrae in Brasile e ricorda l’opale di fuoco messicano. Attrae con i suoi meravigliosi colori rossi e arancio;
  • l’opale peruviano è una varietà rara e offre splendidi blu traslucidi, rosa e verdi;
  • l’opale giallo e verde traslucido della Tanzania, un’altra bellissima varietà di opale.

Uso e valore dell’opale

L’opale è una delle pietre difficili da valutare. Sia gli opali di fuoco messicano che quelli nobili sono impiegati come gemme pregiate.

Sono utilizzate in gioielleria soprattutto per gli anelli o come pietre incastonate. Vengono rifinite e tagliate a cabochon oppure impiegate, come gli opali comuni, per le piccole incisioni di figure ornamentali.

Per conoscere il valore di un opale un elemento fondamentale è quello di verificare il tono di un opale.

In pratica bisogna osservare lo sfondo della gemma che può variare dal bianco al nero, passando per le varie tonalità di grigio indipendentemente dai colori e dai disegni.

Altro elemento da valutare è la brillantezza dei colori. Un opale di dimensioni piccole ma molto luminoso ha un valore superiore rispetto ad un opale di grosse dimensioni e con scarsa brillantezza.

Nel corso degli anni, tuttavia, si è cercato di produrre opali sintetici per ricreare gli opali presenti in natura. È stato ricreato in diverse varietà anche se il genere arlecchino è stato quello più commercializzato.

Nel 1974 la ditta Gilson ha realizzato i primi esemplari molto simili all’originale seguita dalla Inamori Division in Giappone nel 1980.

Tuttavia solo dopo un’accurata esame al microscopio si è in grado di valutare l’autenticità di un opale in quanto non può essere fatta una valutazione ad occhio nudo.

Dove si trova l’opale

La splendida gemma si trova nelle rocce eruttive e sedimentarie come minerale di origine secondaria.

La qualità più pregiata viene estratta ad Andamooka in Australia, dove è considerata simbolo nazionale e dove avviene il 97% della produzione mondiale.

Lo splendido opale di Welo viene estratto in Etiopia, mentre in Messico vengono estratti gli opali di fuoco. Altri giacimenti li troviamo in Brasile, Perù, Tanzania, USA e Transilvania.
L’opale lo possiamo trovare anche in Italia, specialmente nella zona di Baldissero (TO) Piemonte, ma essendo bianco e senza colori non ha alcun valore commerciale.

Storie e leggende sull’opale

Questa splendida gemma apprezzata nel tempo da diverse culture, vanta numerose storie e leggende.
Anche lo studioso romano Plinio descrive l’opale come un’incredibile unione tra il fuoco del granato, il porpora dell’ametista e il verde dello smeraldo.

I Romani lo adoravano come simbolo di purezza e della speranza. A quel tempo infatti si pensava che, se indossato proteggesse dalle malattie.

Per tanto tempo è stato usato come talismano in grado di portare fortuna a chi lo indossasse.

Dopo il periodo romano la bella gemma è stata sminuita da quei poteri positivi che le venivano attribuite ed era considerata più che altro simbolo di magia occulta essendo associata a passioni tormentate e conflitti.

Si narra infatti che lo stesso Napoleone regalò alla moglie  Josephine un opale bellissimo chiamato opale di Troia che scomparve misteriosamente nel momento in cui Napoleone fu mandato in esilio e non fu mai più ritrovato.

Si pensò infatti a quel tempo che la bella gemma si fosse dissolta nell’aria per magia causando così poi quello che successe a Napoleone.

Per gli antichi greci la preziosa pietra aveva il potere di prevedere il futuro e secondo la mitologia greca, fu creata da Zeus felice per la sconfitta dei Titani.

Secondo la mitologia indiana la gemma rappresenta la Dea dell’Arcobaleno che fu trasformata in pietra nel tentativo di sfuggire ad alcuni dei che la molestavano.

Gli arabi credevano che gli opali fossero caduti dal cielo in lampi di luce ed è per questo che mostrava i suoi splendidi colori. Essi pensavano che gli opali proteggessero dai fulmini e donassero l’invisibilità.

La gemma era conosciuta dalle tribù che vivevano in una regione a sud dell’Australia. Era conosciuta con il nome il fuoco del deserto.

La sua presenza era collegata alla creazione del mondo secondo cui il loro creatore sarebbe disceso sulla terra sopra un grande arcobaleno e tutte le rocce che toccava li trasformava in opali colorati come i colori dell’arcobaleno.

Per i popoli orientali racchiudeva lo spirito della verità e per questo era considerata sacra, mentre i popoli occidentali erano tra i più ferventi ammiratori tanto che in epoca elisabettiana era considerata la regina delle gemme.

Benefici della gemma

Questa meravigliosa gemma apporta diversi benefici per lo spirito ed il corpo:

  • aumenta la gioia di vivere donando un senso di felicità;
  • apporta la voglia di cambiamenti;
  • rafforza i sentimenti e i desideri incluso l’amore e la passione;
  • favorisce la fantasia e la creatività artistica;
  • facilita l’immaginazione e i sogni;
  • aiuta a superare la depressione e le preoccupazioni;
  • rinforza la concentrazione agevolando gli stati di calma e di tranquillità;
  • stimola l’energia vitale.

Dal punto di vista fisico:

  • attiva le funzioni vitali;
  • aiuta il cuore;
  • è utile per le articolazioni;
  • consolida il sistema nervoso;
  • allevia i disturbi dell’apparato digerente.

In pratica chi indossa questa splendida gemma sprigiona un forte potere seduttivo ed è circondato da un alone di mistero, il tutto contornato da un sentimento di allegria, di ottimismo e di spensieratezza.